My Adventures on the toughest long distance trail in Europe …

Versione Italiana

Questo è un video-documentario di 56 minuti che descrive la mia esperienza in Corsica sul segmento nord del Gr20, itinerario che ho percorso a Luglio 2010 con due amici. Se lo vedrete fino in fondo condividerete le nostre stesse sensazioni e avrete l’idea precisa di cos’è il GR20 nord.
Per quelli che l’hanno già percorso sarà piacevole ritrovare luoghi familiari.

Riprendere questo video (come pure montarlo) è stato per me un atto di affetto nei confronti di questa terra fantastica.

Buona visione.

Ps
Anche se ho cercato di fare del mio meglio con la mia videocamera, tenete presente però che le riprese sono state fatte con una telecamera “tascabile” con tutti i limiti che ciò comporta.
In ogni caso il video è in alta definizione (HD) quindi, se il vostro computer non è troppo vecchio, potreste – se volete – vederlo a schermo intero andando direttamente sulla pagina di Vimeo:  http://vimeo.com/15176588

*************************************************************************************************************************************

Questo video-documentario di 57 minuti (girato a giugno 2011 lungo il GR20 sud) è il seguito logico del video precedente e conclude la “duologia” sul GR20.

Malgrado vi sia qualche allusione al video precedente – che consiglio comunque di vedere prima di questo – questo è un film a se stante.

Anche qui se volete vederlo a schermo intero vi suggerisco di andare direttamente sulla sua pagina di Vimeo: http://vimeo.com/29539768

Buona visione.

29 responses

  1. Giuseppe Pilo

    Ho avuto l’onore e il piacere di vedere i due filmati e di leggere questa preziosa pagina di consigli!
    Non posso fare a meno di esprimere nei confronti dell’autore le mie congratulazioni per essere riuscito, senza retorica, a presentare
    l’isola con tanto amore e con tanta poesia!
    Non posso nascondere che ho pianto a vedere alcune immagini e a sentirne il commento!
    Questo forse perché i miei avi sono originari di quella terra!
    O forse perché da oltre sessant’anni la rivedo in estate dalla costa sarda delle Bocche di Bonifacio, sempre più bella!
    E sentirmi accomunato nella stessa passione é stato per me un momento di commozione!
    Complimenti all’autore dei due filmati!
    Avrei piacere di incontrarlo in quel di Vizzavona …
    Giuseppe Pilo

    March 21, 2012 at 07:08

    • Ti ringrazio Giuseppe per le tue toccanti parole!

      Ho ritrovato la Corsica (a distanza di 10 anni) e me ne sono innamorato. Da escursionista sfegatato trovo che sia il posto ideale: quella giusta commistione di roccia e bosco e quei fantastici panorami sul mare. E nei video ho cercato di trasmettere quelle emozioni.

      Al momento non prevedo di ritornarci subito, ma nel caso ti manderò una email :)

      Ancora grazie.
      Michele.

      March 21, 2012 at 07:55

  2. Giuseppe Pilo

    Sará per me un piacere poterti incontrare!
    Io abito a Sassari in Sardegna e quindi per me raggiungere Bonifacio é semplicissimo!
    Ho 65 anni e mi sto preparando fisicamente e mentalmente al percorso sud!
    Purtroppo sarò costretto a farlo ai primi di agosto, con gran caldo e troppa folla!
    Ma ancora non sono in pensione!
    Per cui mi devo adattare!
    Mi riservo il percorso nord al prossimo anno in giugno o a fine maggio!
    Ti rinnovo i miei complimenti per le bellissime immagini e per il poetico commento…
    Credo che i corsi dovrebbero riservarti un premio speciale!!! Per il miglior filmato sulla GR20!
    A te, un grazie di cuore!
    Giuseppe

    March 22, 2012 at 08:25

  3. Enzo Giacone

    Veramente belli i due filmati, girati con sapienza e ricchi di consigli utili.
    Li avrò rivisti almeno quattro o cinque volte.
    Un tributo doveroso a questa isola meravigliosa.
    Complimenti e grazie di tutto.
    Se farai altre riprese ti prego di farmelo sapere.
    Un caro saluto.
    Enzo.

    April 21, 2012 at 19:44

    • Ti ringrazio per l’apprezzamento, Enzo! Se farò altre riprese dello stesso tipo ti terrò senz’altro informato.
      Ancora grazie
      –Michele

      April 23, 2012 at 06:15

  4. Camilla

    Ciao Michele!

    Innanzitutto grazie mille per il reportage ed i video, sono di grande aiuto.

    Io e 3 amici dobbiamo intraprendere la GR20 quest’estate, dalla tappa 12 alla tappa 18, a livello delle quali ho letto che ci sono delle “uscite” dalla GR.

    Volevo chiederti un consiglio.

    A tuo parere è possibile portare con me il mio cane, che è abituato a camminare? Perchè ho paura di trovare ostacoli che per lui siano impossibili da superare (come scale a pioli x esempio, o dirupi scalabili solo se attaccati ad una corda..) e dunque rimanere bloccati…

    Secondo te è possibile intraprendere questa esperienza portando anche lui?

    May 8, 2012 at 20:16

    • Ciao Camilla,
      ti ringrazio per l’apprezzamento sui video.

      Se intendete entrare a Vizzavona e uscire a Col di Bavella non ci sono problemi per il tuo cane. Attenzione perchè se scegliete di fare la variante alpina (tra Asinau e Col di Bavella), c’è un passaggetto con catena in cui dovrete un attimo aiutare il cane (nulla di impossibile comunque), mentre la variante bassa (meno bella) non costituisce alcun problema.

      Michele

      May 8, 2012 at 20:45

  5. Camilla

    Ciao MIchele,

    sono Camilla, avevo scritto tempo fa ed ora sono quasi in procinto di partire… volevo chiederle un consiglio. Lei sa se ci sono parcheggi a Vizzavona, magari controllatti, dove lasciare l’auto in tutta sicurezza?

    Grazie se riesce a rispondermi,
    Camilla

    July 19, 2012 at 21:26

  6. Ciao Camilla,
    Puoi lasciare l’auto parcheggiata sul piazzale della stazione di Vizzavona. Non è controllata ma ti assicuro che non corri alcun rischio. Noi l’abbiamo lasciata lì prima di partire per il GR20 sud e non abbiamo avuto alcun problema. (Il posto è anche visibile nelle prime inquadrature del mio secondo video subito dopo la prefazione). Divertiti e buon GR20

    July 19, 2012 at 21:45

  7. Nicola

    Ciao Michele,
    sono Nicola, io e un mio amico volevamo fare tutto il gr20 da Nord a Sud ad agosto.
    Ti volevo chiedere ogni quanto si trovano questi ‘huts’ di cui parli durante il percorso (se ad ogni tappa o no) e orientativamente di cosa sono forniti e quanto ci possiamo fare affidamento.
    Grazie mille per il bellissimo sito.
    Nicola

    June 4, 2013 at 11:35

  8. Marco

    Ciao Michele,
    ho trovato il tuo sito davvero utile, avevo in mente di fare il GR20 (almeno la parte nord partendo da Vizzavona con arrivo a Calenzana) il prossimo agosto e avrei un paio di domande:
    la mia idea è quella di portare una tenda per evitare i rifugi, che tipo di sacco a pelo mi consigli di portare? Che temperatura troverò, indicativamente? Va bene un sacco a pelo da “15 gradi” con sacco lenzuolo?
    Cosa pensi del Cirque de la solitude? È davvero così impegnativo come sembra? Ho una certa esperienza di trekking sulle alpi ma non ho mai fatto vere scalate..
    Grazie mille!
    Marco

    July 3, 2013 at 01:04

    • Ciao Marco,

      Le temperature di notte sono molto variabili e – specie in caso di maltempo – possono scendere anche drasticamente. Io porterei un sacco 0° C confort per sicurezza. Circa il Cirque de la solitude ho già dato una risposta nella pagina “Quello che bisogna sapere”. Se trovi la risposta non esaustiva, fammi sapere.

      Michele

      July 5, 2013 at 01:04

  9. fabio

    Con il passo di uno bene allenato che corre da alcuni anni, anche trail lunghi (tipo cro-magnon), che comunque non vuole fare il gr 20 “di corsa” stile burgada, ma godendosi tutto quello che puo dare questa esperienza, secondo te ,tenda al seguito ,arrivare a vizzavona in 4 notti e tre giorni è un massacro?

    March 24, 2014 at 22:23

  10. In pratica tu vorresti fare 30 km al giorno (30×3=90) su terreno sempre sconnesso, salite e discese a morire più zaino con tenda, e pensi non sarebbe un massacro? Il GR20 nord (non lo hai specificato ma suppongo sia quello che vuoi fare) normalmente lo si fa in 8-9 giorni. Se vuoi farlo in stile “competitivo” puntando a un record, puoi provarci ma sarà durissima.

    March 24, 2014 at 23:00

    • fabio

      volevo dire 4 notti e 5 giorni…

      March 25, 2014 at 18:42

      • Per andarci stretto devi pensare almeno 6 giornate di cammino (e sperare che non ci sia mai maltempo!)
        1. Calenzana-Ortu du Piobbu
        2. Ortu du Piobbu-Carrozzu
        3. Carrozzu-Asco-Bergerie de Ballone (prima doppia tappa: dura, e farai il Cirque de la Solitude nel pomeriggio, quindi già stanco)
        4. Bergerie de Ballone-Castel de Verghio-Manganu (seconda lunghissima doppia tappa)
        5. Manganu-PietraPiana
        6. PietraPiana-Onda-Vizzavona (terza doppia tappa).

        Anche così sarà abbastanza pesante però.

        March 25, 2014 at 19:25

  11. fabio

    ok,grazie
    se riuscirò a partire ti chiederò qualche altro consiglio.

    March 25, 2014 at 20:17

  12. Filippo Cimò

    Ciao, complimenti per il sito e per i consigli…vorrei farti una domanda: te che litraggio dello zaino hai usato per fare il gr20 in una volta sola? Consiglieresti 65 o 75 litri volendosi portare un po’ di cibo sulle spalle oltre che la tenda?

    March 31, 2014 at 11:46

  13. Filippo, se puoi scegliere, vai con quello da 75 litri (uno zaino più capiente non necessariamente è più pesante). Come è ovvio tutto dipende da quello che ci metti dentro. Bisogna prediligere materiali moderni, leggeri e comprimibili: la giacca antipioggia ad esempio: la mia era una vecchia Berghaus triplo goretex che pesava 1kg ed era molto ingombrante: grosso errore.
    Grazie per i complimenti

    –Michele

    March 31, 2014 at 12:02

  14. Giuseppe Pilo

    Ciao Michele, ho scoperto da poco che anche in Sardegna hanno creato dei percorsi di trekking niente male!
    Ad esempio in Ogliastra esiste un tracciato, chiamato “Selvaggio Blu”, che non ha niente da invidiare al famosissimo GR20!
    E chi scrive é di sangue mezzo corso, quindi esprime un giudizio imparziale circa la validità dell’iniziativa!
    Se non hai letto niente a riguardo, fammi sapere, ti darò informazioni.
    Un consiglio interessato il mio, così potrò vedere il filmato che farai!!!!
    Buoni passi!
    Giuseppe Pilo

    April 28, 2014 at 07:18

    • Ti ringrazio Giuseppe.
      In realtà sono molto bene informato sul Selvaggio Blu :) (che invece – a mio modesto parere e senza nessuna polemica – ha molto da invidiare al GR20).

      April 28, 2014 at 08:24

  15. Giuseppe Pilo

    Mi riferivo alla bellezza del paesaggio e non alle condizioni del tracciato, che non ho mai fatto!
    Scopro ora che non solo lo conosci, ma che ne hai realizzato un bellissimo filmato!
    Ancora buoni passi!
    Giuseppe

    April 29, 2014 at 06:04

  16. Matteo

    Ciao Mike,
    Non sono riuscito a recuperare il nome del camping di Vizzavona. Nel bellissimo video non è citato e sul sito del parco dà solo il numero di telefono… Vorrei prenotarlo via internet dal sito, se esiste. Ti ricordi il nome?

    Ne approfitto per chiederti un’informazione sul Selvaggio Blu. Quando parli di SB parli del percorso in corda o ne esistono soluzioni alternative che non comportano l’utilizzo di corda e discensori? Grazie, Matteo

    May 15, 2014 at 14:01

    • Matteo,
      il campeggio di Vizzavona – più propriamente area camping – si trova al di là della strada ferrata ma finora è sempre stato libero (anche se stanno facendo lavori di ampliamento). Nessuno quindi fa prenotazioni. Se proprio vuoi prenotarne uno, il campeggio più vicino si chiama Savaggio (qualche km più a sud di Vizzavona).
      Il Selvaggio Blu classico (cioè quello fatto dai suoi creatori) prevede varie calate in corda doppia. Tuttavia le varie guide che accompagnano le persone si sono inventiate anche delle varianti che aggirano e quindi evitano i tratti in corda. Comunque se vai con una guida, di regola ti calano come un salame quindi non c’è alcun bisogno di essere esperti in materia.

      Michele

      May 15, 2014 at 14:30

  17. Cristian

    Ciao mike, bellissimo questo video… Io lunedì parto per la Corse, Corte-vizzavona via rif. Sega…
    Grazie di tutto.
    M

    July 5, 2014 at 13:12

    • Divertiti e buon GR20

      July 7, 2014 at 18:22

  18. Ciao Mike!
    Bellissimo il video! Complimenti per il sito e per tutte le info. Domenica prossima io e la mia ragazza partiamo per la nostra avventura al GR20 NORD.
    Ci rimane qualche dubbio sull’alimentazione (si ancora… :( ) Premesso che non vorremmo portarci fornellino, volevo capire se la colazione la trovi pronta o se necessariamente te la devi preparare tu (e quindi è indispensabile avere il fornellino). Ancora Per il pranzo del giorno al rifugio puoi comprare l’occorrente per farti un panino e qualche barretta? In tutti?
    Grazie in anticipo per la riposta!

    Roberto

    July 8, 2014 at 23:37

    • La colazione la prenoti appena arrivi al rifugio e te la lasciano su un vassoio col tuo nome già dalla sera prima. Ma, personalmente la ritengo un po’ scarsa visto il bisogno calorico necessario per questo trek.
      In genere la gente non pranza al rifugio (bensì cena). Comunque se arrivi e hai fame ti possono fare qualcosa (le omelette sono ottime). Invece non tutti hanno una dispensa con cibi in vendita (a parte le sbarrette che trovi più o meno ovunque). Sulla nord ben forniti sono: Haute Asco, Tighjettu, Verghio, PetraPiana e Vizzavona. Dagli altri almeno il pane lo riesci a comprare.

      Divertitevi e fammi avere qualche aggiornamento al tuo ritorno. Grazie

      –Michele

      July 9, 2014 at 08:07

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Follow

Get every new post delivered to your Inbox.

Join 28 other followers